Eine Überlegung zum Risiko der Cloud mit nicht-freier Software!

Hallo an alle,

das Cloud-Konzept bringt nicht nur Vorteile, es erhöht leider auch das
Risiko für Machtlosigkeit!

"There is NO CLOUD, just other people's [or companies] computers", wie
das die FSFE formuliert.

Dies wurde durch den aktuellen Einschränkungen deutlich, welche
Microsoft deren Kunden auferlegt hat:

https://www.golem.de/news/teams-microsoft-beschraenkt-office-365-fuer-mehr-teams-kapazitaeten-2003-147323.html

Microsoft hat diese Einschränkungen wohl aus Ressourcenmangel einführen
müssen. Deren Kunden haben jedoch keine Möglichkeit eine Alternative zu
nutzen, sobald deren Daten einmal massiv in Office365 liegen. Dann sind
die Kunden einfach Machtlos.

Es ist ein gutes Beispiel vom Risiko der Cloud-Dienste, wenn diese nicht
auf Freie Software aufbauen. Bei Freier Software, wie Beispielsweise
NextCloud, können die Kunden immer entscheiden, selbst einen eigenen
Server zu kaufen/anzumieten und die Daten wieder aus der Cloud heraus zu
holen, und alle Funktionen der Softwarelösung zu nutzen. Nur Freie
Software bietet dem Benutzer eine nachhaltige Exit-Strategie und belebt
die Konkurrenz im Cloud-Business!

Liebe Grüße
Patrick

attachment.htm (1.71 KB)

Patrick buongiorno.
Queste notizie sono di grande importanza e andrebbero diffuse al di fuori
di questa ns. lista.
Hai idea su come poterlo fare?

Buona primavera a tutt*,
diego

attachment.htm (3.34 KB)

Ciao Diego,

ci ho pensato e sono arrivato alla seguente conclusione.

Comunicazione non funziona se non si modula il messaggio al
target/audience che si vuole raggiungere. E se si vuole parlare a
diversi gruppi di audience, si deve riformulare il messaggio, per
rendersi comprensibili da ogni singolo gruppo. Vuol dire che ogni gruppo
ha bisogno del suo messaggio dedicato, nel quale vengono utilizzati
termini e concetti noti al gruppo.

La lista del LUGBZ è una community di persone che hanno una certa
conoscenza del tema, e riescono ad interpretare un certo messaggio. Il
tipo di parole e la mole/densità di contenuto in un messaggio, che
possiamo condividere in questa lista, sarebbe probabilmente troppo per
molte persone fuori da qui. Non riuscirebbero ad interpretare le parole
e si rischia di venir fraintesi, di scioccare e di creare paure.

Perciò penso che il mio contributo si ferma nel condividere il mio
pensiero con le persone in questa lista.

L'ascio poi ogni uno di voi, se volete e condividete il mio pensiero, la
libertà di integrare anche nei vostri messaggi, che modulerete per
l'audience alla quale parlate.

Un caro saluto
Patrick

attachment.htm (7.59 KB)

Patrick, oggi sei intervenuto con il tuo punto di vista su uno dei gruppi
Telegram e la tua opinione sta facendo il suo effetto.
Era questo che intendevo.
La tua osservazione sulla modulazione delle comunicazioni viene dalla tua
esperienza che è preziosa.
Saluti a casa,
diego

attachment.htm (8.47 KB)