licenza apache e cla

Ciao,

una curiosità. Come mai per contribuire ai progetti apache bisogna
firmare una "Contributor License Agreements"? In teoria, essendo
il codice apache integrabile anche in progetti open source non ci
sarebbe un bisogno di questo per un eventuale dual-licensing.
Quale vantaggio ha alloraper ASF?

Tra l'altro avrei una seconda domandina teorica. Visto che il codice apache
si può "convertire" in codice GPL, perché qualcuno della FSF o comunque
molto motivato con la causa software libero copyleft-fortenonprende il
codice apache e fa un
fork GPLe rilascia miglioramenti su questa seconda licenza? Teoricamente
questo fork
potrebbe prendere tutto quello che vuole da apache ma non viceversa,
quindi probabilmente il fork potrebbe contenere cose in piu rispetto
al progetto originale ...

Grazie per le vostre opinioni

Buona giornata

attachment.htm (7.39 KB)

una curiosità. Come mai per contribuire ai progetti apache bisogna
firmare una "Contributor License Agreements"? In teoria, essendo
il codice apache integrabile anche in progetti open source non ci
sarebbe un bisogno di questo per un eventuale dual-licensing.
Quale vantaggio ha alloraper ASF?

Disclaimer: Non sono un avvocato e perciò posso solo dare una mia
opinione! :wink:

Penso che ci sia differenza tra dual-licensing e un fork. E per poter
gestire un cambiamento, anche attualizzazione, delle licenze la ASF
forse chiede il diritto di farlo in autonomia, senza dover andare a
chiedere a tutti i singoli contributors.

Tra l'altro avrei una seconda domandina teorica. Visto che il codice
apache
si può "convertire" in codice GPL, perché qualcuno della FSF o comunque
molto motivato con la causa software libero copyleft-fortenonprende il
codice apache e fa un
fork GPLe rilascia miglioramenti su questa seconda licenza?
Teoricamente questo fork
potrebbe prendere tutto quello che vuole da apache ma non viceversa,
quindi probabilmente il fork potrebbe contenere cose in piu rispetto
al progetto originale ...

Mi sembra che sia proprio lo scenario di LibreOffice (LGPL) e
OpenOffice.org (APL).

Per quanto ho capito, IBM ha convinto Oracle a donare OOo alla Apache
Foundation e a rilasciare il codice con la APL. In questo modo IBM può
continuare ad utilizzare il codice di OOo nei propri prodotti proprietari.

La community invece ha fatto il fork LibreOffice e rilascia il codice
solo come LGPL, costringendo così il rilascio dei contributi come LGPL.
Ovviamente LibreOffice può essere utilizzato da software proprietario
come libreria esterna, ma non inglobato.

LibreOffice può copiare da OpenOffice.org tutto il codice. OOo non può
copiare da LibreOffice, può eventualmente usare LibreOffice come una
libreria.

Fare un fork vuol dire investire tempo e creare una community. Nel caso
di LibreOffice la community di sviluppatori ha deciso di farlo e uscire
dalle dinamiche di aziende come Oracle o IBM. Ma non credo che la FSF
abbia la forza di creare fork per ogni progetto, anche perché non è solo
la licenza che conta, in primis conta avere una community!

Patrick

attachment.htm (9.46 KB)