R: [Lugbz-list] passaggio a Linux delle scuole di lingua italiana

ciao,

ho partecipato attivamente al progetto fuss.

Le scuole tedesche sono state invitate, stiamo ancora aspettando
una loro risposta :expressionless:

paolo

Zilotti, Paolo wrote:

Le scuole tedesche sono state invitate, stiamo ancora aspettando
una loro risposta :expressionless:

Ciao Paolo

E' bello saperlo, ma probabilmente qualcuno ha preferito a non
partecipare e a non comunicarlo alle scuole. E' questo la divisione.
Anni fa ho proposto l'invito delle scuole italiane alla preparazione
agli olimpiadi d'informatica, ma sono stato fermato. La divisione c'e'
ed e' voluta a livello politico o a livello dell'intendenza, non so?

~Karl

Karl Lunger ha scritto:

Zilotti, Paolo wrote:

Le scuole tedesche sono state invitate, stiamo ancora aspettando
una loro risposta :expressionless:

Ciao Paolo

E' bello saperlo, ma probabilmente qualcuno ha preferito a non
partecipare e a non comunicarlo alle scuole. E' questo la divisione.
Anni fa ho proposto l'invito delle scuole italiane alla preparazione
agli olimpiadi d'informatica, ma sono stato fermato. La divisione c'e'
ed e' voluta a livello politico o a livello dell'intendenza, non so?

  a livello di individui?
  ;-)

      LASSÙ SUI MONTI CON HEIDI

  Senza divisione non c'è minoranza,
  senza minoranza manca l'autonomia,
  senza autonomia non c'è provincia,
  senza provincia non c'è ricchezza,
  perciò senza divisione non c'è ricchezza.

  Se non lo sai c'è il rischio che cambino le cose,
  se non puoi non saperlo allora lo devi accettare,
  per questo prima di saper leggere e scrivere
  devi imparare ad essere diverso:
  italiano XoR tedesco.

  Ogni chioccia insegna ai suoi pulcini
  tutto quanto hanno bisogno di conoscere
  ne più e ne meno.

  Ciao,

Roberto A. Foglietta ha scritto:

     LASSÙ SUI MONTI CON HEIDI

  scusate non ho proprio potuto resistere alla tentazione!
  ;-)

  con affetto,

      LASSÙ SUI MONTI CON HEIDI

  Senza divisione non c'è minoranza,
  senza minoranza manca l'autonomia,
  senza autonomia non c'è provincia,
  senza provincia non c'è ricchezza,
  perciò senza divisione non c'è ricchezza.

  Se non lo sai c'è il rischio che cambino le cose,
  se non puoi non saperlo allora lo devi accettare,
  per questo prima di saper leggere e scrivere
  devi imparare ad essere diverso:
  italiano XoR tedesco.

  Ogni chioccia insegna ai suoi pulcini
  tutto quanto hanno bisogno di conoscere
  ne più e ne meno.

Questo, ovviamente, a netta differenza dal resto d'Italia,
dove le pubbliche amministrazioni si coordinano perfettamente
e vige nient'altro che spirito di innovazione, efficienza
e apertura.

Bye, Chris.

Roberto A. Foglietta wrote:

Roberto A. Foglietta ha scritto:

     LASSÙ SUI MONTI CON HEIDI

scusate non ho proprio potuto resistere alla tentazione!
:wink:

Heidi?

    http://www.catherders.com/Notebook-Evelyne/tux-15.html

o Heidi?

    http://www.robozzy.com/cataloghi_libri/heidi_bross_3.jpg

o Heidi?

    http://www.teacuerdas.com/images/nostalgia-cromos-heidi.jpg

o Heidi?

    http://www.einhorn-film.at/filme_hij/heidi_z_2.jpg

o Peter?

    http://www.linux-magazin.de/Artikel/ausgabe/2000/06/News/bild3_s.jpg

let's flam!
Karl

* Roberto A. Foglietta (roberto.foglietta(a)sad.it) wrote:

     LASSÙ SUI MONTI CON HEIDI

Senza divisione non c'è minoranza,
senza minoranza manca l'autonomia,
senza autonomia non c'è provincia,
senza provincia non c'è ricchezza,
perciò senza divisione non c'è ricchezza.

Se non lo sai c'è il rischio che cambino le cose,
se non puoi non saperlo allora lo devi accettare,
per questo prima di saper leggere e scrivere
devi imparare ad essere diverso:
italiano XoR tedesco.

Ogni chioccia insegna ai suoi pulcini
tutto quanto hanno bisogno di conoscere
ne più e ne meno.

Ti pregherei cortesemente dall'astenerti da queste vaccate offensive
in futuro.

grazie,
Michele

:-)))))))))))))))))))))))))))

Benissimo, io sono il solito inguaribile ingenuo/ottimista: perché non
dimostrare che la comunità del software libero è una spanna sopra e
cercare di stabilire un contatto "dal basso"?
Mi sembra di aver capito che parecchia gente del fuss è iscritta a
questa ml e (ditemi se sbaglio) non c'è un altro gruppo Linux (o di sola
lingua italiana o solo tedesca) in Bolzano.
Siete nella posizione ideale per fare da ponte!
Sto dicendo sciocchezze?

Benissimo, io sono il solito inguaribile ingenuo/ottimista: perché non
dimostrare che la comunità del software libero è una spanna sopra e
cercare di stabilire un contatto "dal basso"?

Contatto stabilito :slight_smile:

Io sono dentro una scuola tedesca (almeno per quest'anno, prox anno non si
sa...)

Erik

Michele Baldessari ha scritto:

* Roberto A. Foglietta (roberto.foglietta(a)sad.it) wrote:

    LASSÙ SUI MONTI CON HEIDI

Senza divisione non c'è minoranza,
senza minoranza manca l'autonomia,
senza autonomia non c'è provincia,
senza provincia non c'è ricchezza,
perciò senza divisione non c'è ricchezza.

Se non lo sai c'è il rischio che cambino le cose,
se non puoi non saperlo allora lo devi accettare,
per questo prima di saper leggere e scrivere
devi imparare ad essere diverso:
italiano XoR tedesco.

Ogni chioccia insegna ai suoi pulcini
tutto quanto hanno bisogno di conoscere
ne più e ne meno.

Ti pregherei cortesemente dall'astenerti da queste vaccate offensive
in futuro.

  ti manca il senso dell'umorismo...
...però sei in buona compagnia!
  ;-)

  Ciao,

Chris Mair ha scritto:

Questo, ovviamente, a netta differenza dal resto d'Italia,
dove le pubbliche amministrazioni si coordinano perfettamente
e vige nient'altro che spirito di innovazione, efficienza
e apertura.

  Se invece di prenderla sullo spiritoso e farti una grassa risata sulla
caricatura che scritto la metti sul serio non ci sto...
...non si può paragonane l'amministrazione e il budget di disneyland con
l'amministrazione e il budget di un città.

  Ciao,
Roberto A. Foglietta

Roberto A. Foglietta wrote:

ti manca il senso dell'umorismo...
...però sei in buona compagnia!
:wink:

Mi aggrego alla compagnia de "I senza il senso dell'umorismo".

Possiedi una fervida immaginazione, prova pertanto ad immaginarti questo
scenario:

http://freeweb.dnet.it/dongilli/france.png

à la prochaine, Robert!

Non voglio entrare nel merito di questa discussione; ritengo comunque
che una persona che si trova da poco tempo in questa realta' non debba
permettersi certe affermazioni cosi categoriche.
Per inciso ricordo al Sig. Foglietta che sta usando un indirizzo mail
aziendale
e percio' , se vuole prendere posizioni PERSONALI, e' libero di farlo da uno
qualsiasi dei suoi indirizzi mail privati.

Roberto A. Foglietta wrote:

Forse non ho neanche il diritto di entrare nel merito della discussione. Non
sono ne tedesco, ne italiano.

Cmq trovo che UNENDO le forze non badando a colore della pelle, lingua
parlata e cioè COLLABORANDO si può fare più cose spendendo meno energie che
CONTRASTANDO E LITIGANDO.

Behalf Of Andrea Sisti

Confermo

Robert

Ciao a tutti,

ho letto l'interessante thread della lista e quindi ho deciso di portare
anch'io i 2 euri:

- In primo luogo consiglio a Roberto Foglietta di leggere questo documento:
http://www.lugbz.org/documents/netiquette_ml_lugbz_it.html

E' buona norma postare in una lista argomenti inerenti, i problemi
politici dell'Alto Adige a mio parere sono O.T. in questa lista, inoltre
alcuni membri non hanno colto "l'umorismo" quindi mi sa che dovrebbe porre
delle scuse. Fine del discorso 1.

- In secondo luogo consiglio a Roberto Foglietta di informarsi prima di
fare certe affermazioni fuori luogo riguardo il progetto FUSS, tra l'altro
utilizzando un indirizzo di posta elettronica aziendale. La mia
Ripartizione e la sua Azienda spesso collaborano in progetti di formazione
e un responsabile della SAD è stato invitato come relatore all'interno del
corso per i referenti del progetto FUSS. Per fortuna Bolzano è piccola e
ci conosciamo tutti abbastanza bene, come sono conosciute in rete le
sparate del signor Foglietta (basta chiedere in giro). Fine del discorso
2.

A questo punto, un po' di informazioni di prima mano:

1) Come ha detto Paolo Zilotti i colleghi della sovrintendenza scolastica
in lingua tedesca sono stati contattati alcuni mesi prima ma non c'è stata
alcuna risposta, questo non vuol dire che "non ci parliamo" vuol
semplicemente dire che i colleghi di lingua tedesca hanno deciso di non
fare una scelta così impegnativa a livello di Intendenza. Tuttavia:

a) Ogni singola scuola gode di autonomia didattica, ciò significa che non
bisogna aspettare una scelta fatta "dall'alto" (e chiaro che se questa
scelta c'è tanto meglio), ma le scuole tramite i collegi docenti possono
prendere questa decisione chiedendo il relativo finanziamento all'ufficio
di competenza.

b) Il progetto FUSS è un progetto di software libero, tutta la
documentazione prodotta, le relative traduzioni in corso d'opera e gli
eventuali applicativi sviluppati sono rilasciati sotto i termini della
licenza GPL. Questo vuol dire che se una scuola vuole prendere il
materiale prodotto o quello che si produrrà in futuro può farlo senza
chiedere il consenso a nessuno.

c) Il progetto FUSS è aperto alla collaborazione anche con delle singole
scuole. Attualmente Toni Auer sta iniziando i contattati anche fuori
provincia. Ci sentiamo spesso con i colleghi della Val d'Aosta (che
parlano francese) e con i colleghi di Extremadura (che parlano spagnolo).
Speriamo di poter parlare anche con i colleghi di lingua tedesca :slight_smile:

2) Per l'installazione delle scuole è stata indetta una gara informale
dove sono state invitate a partecipare aziende con sede legale in
provincia di Bolzano e fuori provincia, si è scelta l'azienda con il
preventivo più basso (questo capita in ogni pubblica amministrazione).

3) Il progetto FUSS non si limita alla migrazione ma si pone altri
obiettivi assai più interessanti, ad esempio creare una cultura di
cooperazione e aiuto reciproco nelle scuole, diffondendo e valorizzando
tutta una serie di competenze informatiche e non. Attualmente, il team di
supporto e sviluppo è composto da 19 persone di cui 14 altoatesini
(includendo me che mi considero tale). Il team di installazione invece è
stato composto da 15 persone di cui 6 altoatesini. Quindi l'affermazione
di "importazione di competenze" è fuori luogo oltrecché offensiva nel
confronto dei colleghi che lavorano ogni giorno.

4) Riguardo la partecipazione a la FSF-Con sono stato personalmente con
Dolle e ho dato la disponibilità a partecipare, una risposta formale
arriverà fra qualche giorno. Come potete capire in questi giorni la nostra
priorità è far funzionare il sistema nel modo migliore, ma soprattutto
essere vicini ai docenti/studenti che hanno qualche difficoltà con
l'utilizzo del sistema.

5) Riguardo le competenze, la formazione professionale sta erogando circa
200 ore di corso ogni settimana e questo avviene già dal mese di marzo.
Penso che se si continua così la nostra Provincia sarà un polo a livello
europeo, i ragazzi tendono a imparare molto più in fretta di noi adulti e
loro non si fermano.

6) Le informazioni su FUSS non sono tante poiché l'approccio è sempre
stato quello del lavoro sodo e basso profilo ma questo non vuol dire che
siamo chiusi ai rapporti con l'esterno, anzi, ma ci piacciono solo le
proposte concrete.

Ciò per quanto concerne al progetto fuss.

Adesso però non Vi risparmierò qualche considerazione personale:

- Io è già un bel po' di tempo che mi chiedo che senso abbiano le
associazioni di diffusione del software libero. Il software libero si è
diffuso già fin troppo ne parla perfino un giornale come la stampa.

- Di FUSS hanno parlato tutti
http://www.fuss.bz.it/index.php?option=com_weblinks&catid=28&Itemid=44 ma
le associazioni non se ne sono accorte. Infatti non è stato solo il LUG a
trascurare l'argomento in lista (si parla adesso dopo 20 giorni
dell'uscita del comunicato stampa), ma anche FSFE (malgrado tre mie e-mail
a Greve e a Maffulli), FSF, Assoli, ecc. Non è una critica diretta (anche
io faccio parte di alcune associazioni) ma è la solita solfa
dell'immobilismo che a mio parere ne consegue dopo la perdita degli
obiettivi iniziali. Qualcuno sa dirmi che obiettivi hanno i LUG nel mondo
in data odierna? Diffondere Linux? Dove?

- In questa provincia manca (Manca con la M) un interlocutore valido per
quanto riguarda la concretizzazione di progetti, a cosa serve diffondere
se dopo nessuno è in grado di offrirti una soluzione? Questo sarebbe
compito del mercato e io ne sono convito che le aziende arriverano piano
piano, ma mi chiedo perche invece di spendere soldi in progetti faraonici
di ricerca e supercazzole che coinvolgono mezz'europa non prendiamo 10
sviluppatori a scrivere software libero? Forse si guadagnerebbe un po'
tutti, qualche programma libero in più, qualche fatica in meno.

Saluti a tutti

Antonio Russo

Premetto che sono perfettamente daccordo con Antonio.

A questo punto, un po' di informazioni di prima mano:

1) Come ha detto Paolo Zilotti i colleghi della sovrintendenza scolastica
in lingua tedesca sono stati contattati alcuni mesi prima ma non c'è stata
alcuna risposta, questo non vuol dire che "non ci parliamo" vuol
semplicemente dire che i colleghi di lingua tedesca hanno deciso di non
fare una scelta così impegnativa a livello di Intendenza. Tuttavia:

[...]

Adesso però non Vi risparmierò qualche considerazione personale:

- Io è già un bel po' di tempo che mi chiedo che senso abbiano le
associazioni di diffusione del software libero. Il software libero si è
diffuso già fin troppo ne parla perfino un giornale come la stampa.

- Di FUSS hanno parlato tutti
http://www.fuss.bz.it/index.php?option=com_weblinks&catid=28&Itemid=44 ma
le associazioni non se ne sono accorte. Infatti non è stato solo il LUG a
trascurare l'argomento in lista (si parla adesso dopo 20 giorni
dell'uscita del comunicato stampa), ma anche FSFE (malgrado tre mie e-mail
a Greve e a Maffulli), FSF, Assoli, ecc. Non è una critica diretta (anche
io faccio parte di alcune associazioni) ma è la solita solfa
dell'immobilismo che a mio parere ne consegue dopo la perdita degli
obiettivi iniziali. Qualcuno sa dirmi che obiettivi hanno i LUG nel mondo
in data odierna? Diffondere Linux? Dove?

Bene, si potrebbe cogliere la palla al balzo e cercare di smuovere le
acque anche da altre parti d'Italia, discutiamone!

- In questa provincia manca (Manca con la M) un interlocutore valido per
quanto riguarda la concretizzazione di progetti, a cosa serve diffondere
se dopo nessuno è in grado di offrirti una soluzione? Questo sarebbe
compito del mercato e io ne sono convito che le aziende arriverano piano
piano, ma mi chiedo perche invece di spendere soldi in progetti faraonici
di ricerca e supercazzole che coinvolgono mezz'europa non prendiamo 10
sviluppatori a scrivere software libero? Forse si guadagnerebbe un po'
tutti, qualche programma libero in più, qualche fatica in meno.

Anche questa è una buona idea. Io mi sto organizzando in tal senso; ma
non voglio sbilanciarmi troppo. Quando avrò qualcosa di serio tra le
mani ve lo comunicherò!

Infine una nota di ottimismo: mi è stato riferito che l'AA non è messo
bene solo per la parte scolastica italiana ma che un po' tutta la PA
dell'AA è in movimento e soprattutto la parte di lingua tedesca:
evidentemente la sovrintendeza tedesca ha voluto aspettare un po' ma
sono convinto che non si siano mossi semplicemente perché sono meno
'impulsivi' della parte di lingua italiana...
Mi dicono che stanno puntando molto all'integrazione delle procedure
burocratiche con il mondo di lingua tedesca e puntando tutto su
strumenti open.

Un esempio per tutti: il Consorzio dei Comuni dell'AA (più di 100) è
passato _in blocco_ da un po' a OpenOffice e senza tanti strombazzamenti
nella stampa. IMHO: questo è almeno altrettanto importante della scuola
ed è ben lontano da quello che succede anche solo da noi in Trentino.

Complimenti, passateci un po' del vostro mitico stacanovismo!

Ciao a tutti,

Concordo pienamente con Antonio.

Paolo Mattiolo

-----Messaggio originale-----
conto di Antonio Russo
Inviato: martedì 20 settembre 2005 19.45
italiana

Ciao a tutti,

ho letto l'interessante thread della lista e quindi ho deciso di portare
anch'io i 2 euri:

-- SUPER CUT

Antonio Russo ha scritto:

Ciao a tutti,

  Il signor Russo è una persona intelligente e lo ha dimostrato con
questa missiva. Non avrà difficoltà ad accettare che esisto al mondo
persone che hanno la capacità di risolvere problemi in tempi
ridottissimi e in modo così autonomo da poter parlare di originalità.
  Se la risoluzione dei problemi si limitasse ad un abito tecnico queste
persone avrebbe comunque il loro bel da fare a risolvere i problemi
della vita di tutti i giorni altrimenti ci si trova di fronte ad
individui che spesso hanno così tanto tempo che anche quando ne passano
una briciola a fare umorismo da osteria strafanno.

  Mi hanno detto che "mostrum" in latino significa eccezionale, la
natura seleziona con la destra e con la sinistra produce mostri...
indaga nuove possibilità. Questi individui sono fondamentali in periodi
di grandi cambiamenti in cui il normale addattamento non basta più.
Questi individui sono molto apprezzati nelle economie emergenti dove
risolvere un problema concreto è questione di sopravivvenva o giù di lì.
  In tempi/luoghi in cui il quieto viver è dato per scontato queste
persone si dedicano ad attività di ricerca scientifica, artistica etc.
etc. Ma quando anche questi campi sono saturi e ridotti ad una pratica
amministrativa rimane ben poco da fare se non andare all'osteria a bere
o a dire cazzate. Oppure muoversi ed andare altrove, muoversi non è mai
facile.

  Perchè non cercare la via dell'integrazione? Perchè le soluzioni lampo
ed originali metto in crisi il sistema che ha difficoltà a recepirle, e
se le soluzioni originali non si limitano alla tecnica è un bel problema.
  Soprattuto nessun'altro non ne ha bisogno! Disse un mio professore:
geni sono rari ed anche quando ci sono sono inutili. Limitatamente al
luogo tempo in cui lo disse era vero, lì non servivano.

  A quanto vedo le osterie di questi luoghi sono ben piene ma soprattuto
sono piene di ragazzini di 14 anni... e mi è difficile sapere se la cosa
si limita a questo luogo od ad altri avendo finora sempre trovato di
meglio altrove da fare che frequentare osterie.
  Per quanto possa sembrare assurdo il ragazzino che a 14 anni beve,
fuma e spacca gli ombrelloni di un bar *per me* sta solo chiedendo
qualcosa di meglio da fare... oppure è un semplice teppista secondo altri.

  Ora il sig. Russo è una persona intelligente e come tale non avrà
difficoltà a immaginare che nessuno, ma proprio nessuno, è scemo.
  Perciò non farà fatica a capire che se per certe persone
l'integrazione non è possibile e l'alcoolismo non è una strada
accettabile hanno solo l'opzione di muoversi.

  Il sig. Russo non essendo nato in AA dovrebbe sapere che muoversi è
difficile, che a volte serve un incentivo, che altre volte serve un
calcio in culo. Io l'incentivo l'ho già avuto, l'integrazione non mi è
riuscita... lascio al lei, che si esprime con tanta saggezza, ad
immaginare cosa vado cercando.

  Se poi si domanda perchè seguire una strada così tortuosa vorrei
ricordarle quanto sia complicato (non difficile ma complicato) da queste
parti fare le cose, alcune cose, tutto sommato anche semplici.
  Poi si sa, se serve un calcio nel culo, uno magari cerca di prenderlo
nel modo più delicato possibile...
  ...gliele devo delle scuse a lei ed alcuni altri e nel mio cuore
gliele faccio ma qui ed ora purtroppo le dico che non mi adeguo, nè ora
e neppure in futuro. Non potete pretendere che tutti siano come voi.
  Io lo dico a Lei e lei, se crede, lo vada a dire un po' a chi le pare.

  Saluti,